Manifesto
PetizioneUE
pdl
Manifesto

Siti amici

dolcevita

droghe.aduc.it/

softsecrets

CanapaMedica


frigolandia

nonso

altrestorie.org

aam_terra_nuova

il_manifesto

liberazione.it

il_blog_di_beppe_grillo

fuoriluogo.it

ecofantascienza.it

stampa alternativa


Solo propaganda e confusione!

Il 26 giugno è stato istituito come “Giornata mondiale contro la droga” e anche quest’anno il Dipartimento Antidroga (DPA) ha replicato, farcendo la comunicazione della solita confusione per tirare acqua al vecchio e scricchiolante mulino della Fini-Giovanardi.

Come non si potrebbe essere contro la droga se parliamo del narcotraffico che in Sud America è causa di migliaia di morti ogni anno? O se ci riferiamo alle immense e protette coltivazioni di papavero in Afghanistan che forniscono i 2/3 dell’oppio necessario per rimpinguare il mercato occidentale dell’eroina? Oppure se con grande ribrezzo parliamo di oscuri laboratori dove vengono testati e preparati i componenti chimici delle nuove sostanze illecite da affidare al mercato criminale?

Ma il DPA non vuole parlare di questi problemi, bensì vuole soltanto continuare a mantenere quella confusione tanto cara a chi, non facendo nulla per risolvere i problemi trae ugualmente cospicui vantaggi e quindi, cosa di meglio se non continuare a dare informazioni false sulla marijuana, continuare ad esercitare terrorismo psicologico e creare un ingiustificato allarme sociale?

Ammesso e non concesso che il problema individuato dal dott. Serpelloni circa la elevata percentuale di THC nell’erba preparata in laboratorio sia reale, continuiamo ad esserre convinti che per evitare che queste sostanze siano smerciate dal solito circuito illegale, con relativi danni e rischi per i consumatori, l’unica soluzione rimanga quella di una regolamentazione della coltivazione domestica, essendo la qualità la prima garanzia del consumatore.

Sembra che per continuare nella sua fobica repressione nei confronti dei consumatori di canapa, al DPA ultimamente non bastano più le tanto sbandierate “evidenze scientifiche” e che invece si debba affidare alla compiacenza dei “guardiani della morale”, sempre pronti (radio vaticana e l’Avvenire in prima fila) a sostenere le falsità elargite a piene mani dal Capo dipartimentale.

Per fortuna il mondo politico, quello mediatico e l’opinione pubblica, piano piano stanno invertendo il giudizio sulla canapa e in particolar modo sulla legge che ne determina la demonizzazione e mentre dal DPA continuano ad uscire le solite stantie tesi, apprendiamo che nei giorni precedenti gli on. Donata Lenzi e Walter Verini (rispettivamente capogruppo Pd nella commissione Affari Sociali e Giustizia) hanno rivolto un appello al parlamento perché si avvii una urgente riflessione sul problema droga, affermando che “L’Italia deve dotarsi di una nuova legge per combattere le droghe, superando quella attuale, nota come Fini-Giovanardi, che ha creato solo tante sofferenze” http://www.agenparl.it/articoli/news/politica/20130625-droga-pd-legge-fini-giovanardi-va-superata

Ugualmente confortante è la dichiarazione rilasciata dal capogruppo di SEL in Commissione Giustizia, on. Daniele Farina, che ribatte agli attacchi contro le associazioni lanciati da Giovanardi in occasione della presentazione del “4° libro bianco sulla Fini-Giovanardi” e preannuncia la presentazione di una Proposta di Legge http://www.agenparl.it/articoli/news/politica/20130625-droga-farina-sel-giovanardi-sbaglia

Ma la dichiarazione forse più importante è quella appena diffusa dal ministro Cancellieri che senza mezzi termini si riferisce direttamente alla Fini-Giovanardi, anche se ne delega l’eventuale revisione ad una riflessione di non meglio identificati gruppi di studio! http://droghe.aduc.it/notizia/ministro+giustizia+maggiore+attenzione+ai_127610.php

Che la Fini Giovanardi sia un problema serio ormai se ne sono accorti proprio tutti, tranne chiaramente Fini, Giovanardi e il dott. Serpelloni e forse è vero che noi siamo come i conigli e ci piace l’erba, ma pensiamo che nonostante tutto sia sempre meglio che percorrere sempre la stessa strada come i somari con i paraocchi!

Giancarlo Cecconi – ASCIA

http://www.ascia-web.org/home/?p=1132

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

3 comments to Solo propaganda e confusione!

  • PxS.

    “La modifica della Fini-Giovanardi – ha detto rispondendo a una domanda – richiede una riflessione che non ho ancora cominciato a fare”

    http://droghe.aduc.it/notizia/ministro+giustizia+maggiore+attenzione+ai_127610.php

    Questo ministro è tra i più seri dell’attuale Governo, e infatti quella dichiarazione lo dimostra.
    Ma se dovessimo essere satirici-polemici ci dimostrerrebbe che i ministri italiani troppo spesso “riflettono” un po’ troppo. Non riflettere su un fenomeno, una legislazione e una politica che in Italia riempe fino a 2/3 delle carceri (più è alta la percentuale minore è il grado di sviluppo della regione) è un po’ strano, come è strano quando i ministri non hanno riflettuto sulla crisi in Libia, non riflettono sullo spread, non riflettono sui lavori fuori norma, non riflettono sull’evasione fiscale, non riflettono sulla modifica del falso in bilancio, non riflettono su come modificare i siti maggiormente inquinati, non riflettono su una serie di modifiche e argomenti

  • Pierpaolo Grilli

    Per i persecutori ciechi di Giovane Italia: L’erba non è solo roba per conigli, ma anche per cavalli (campa cavallo che l’erba cresce)ed è con forza da cavalli che travolgeremo le menzogne di una persecuzione fascista contro una pianta medicinale e persone innocue!
    Se veramente volete lottare senza ipocrisie per la vita e la libertà lottate contro l’inquinamento chimico ed il nucleare, non contro gente che non vi fa del male.
    Visto che l’alcool legale non vi crea nessun problema, non sostenete una legge fascista che è stata fatta solo per perseguitare chi ama una pianta medicinale e non vuole ubriacarsi nè drogarsi con roba dannosa.

  • Roberto

    Ed è proprio in questo momento, che sotto la spinta della necessità di riparare ai disastri che la Fini-Giovanardi ha causato e continua tutt’ora a causare, disastri sono evidenti a tutte le forze politiche, ma a cui solo poche di esse paiono essere sensibili, che bisogna , che tutti i consumatori consapevoli di canapa si uniscano per far sentire sentire la propria voce,prendendo parte attiva a questo cambiamento, evitando che venga per l’ennesima volta lasciata a persone estranee a questo mondo una decisione che può valere la fine delle nostre persecuzioni.
    Facciamoci sentire! Vai così!
    Saluti, Robsss

Leave a Reply

 

 

 

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>